Buongiorno appassionati del quad! Il post di questa settimana lo dedichiamo proprio a voi.
Cercheremo di far luce sul mondo dei quad targabili e le relative normative.

Il Quad è un quadriciclo a motore e si configura come una sottocategoria dei "motoveicoli".
Inevitabile è l'obbligatorietà dell'uso del casco omologato sia per conducente che passeggero, anche qualora il quad fosse dotato di una rollbar e cinture di sicurezza.

Come per tutti i veicoli circolanti su strada, anche il conducente del quad deve sempre portare con sé il libretto di circolazione, pagare un piccolo bollo e dotarsi di un'assicurazione RC.

Il bollo (una volta denominata "tassa di circolazione") è un tributo locale e quindi viene versato alla propria regione di residenza.
In linea di massima, per i quad con cilindrata inferiore ai 400cc, la spesa è piuttosto esigua e si aggira intorno ai 30 euro con piccole variazioni da regione a regione.

Diverso è il discorso per l'assicurazione. Come tutte le polizze RC (responsabilità civile) i costi sono molto variabili, soggetti a classi di merito e copertura o meno in caso di furto.

Quale patente è necessaria per la guida di un Quad?
Senza entrare troppo nel merito delle normative vecchie e nuove in tema di patenti, fughiamo ogni dubbio ricordandovi che:
con la classica patente B è possibile guidare un quad di qualsiasi cilindrata dai 50cc ai 1000cc purché la potenza non superi i 15 kW.
Stessa cosa vale anche per chi ha 16 anni ed ha conseguito una patente A1.
Dettaglio imporante: i patentati "A1" non possono circolare con un passeggero fino al compimento del 18° anno di età.

Speriamo di esservi stati utili e vi invitiamo a visionare le nostre incredibili offerte sui Quad Targabili.
Il primo anno di assicurazione RC è compreso nel prezzo!